Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Ventiquattresima puntata

 

Da Jean-Pierre-Paul-Olivier-François-Armand-Donatien-Alfred-Maurice-Claude-Achille-Antoine de la Rive Gauche de la Senne a la Matin de Printemps a Lillo Imparpaglione

Mounsieur Imparpaglionè,

excuse moi l’italian che je no conosco tres bien. Je sono avec Mademoiselle Grazià que me pregà de informarlà sur i fattì avvenutì a suo arrival à Paris.

Un brigadier attruvè Mademoiselle Grazià Imparpaglionè in Rue de la Femme Perdue où Mademoiselle, avec un long coltellò vouleva tuer la petit fille Melà, Madame Mariaconcettà Imparpaglione et autre quatre femmes che, je pense, praticanò toutes le métier plus ancien de le monde.

Maintenant, Mademoiselle Grazià, que est sanz un eurò, le tient occorrenzà de un avocat. Prego, Mounsieur Imparpaglionè de voler venir à Paris aujourd’hui même per résoudre cette fâcheuse situatiòn.

Merci

 

Mounsier le Brigadier

Jean-Pierre-Paul-Olivier-François-Armand-Donatien-Alfred-Maurice-Claude-Achille-Antoine de la Rive Gauche de la Senne a la Matin de Printemps

 

Divertissement. La fine di un gioco

il-manoscritto-680x340

Cari amici,

il divertissement che state seguendo con tanto affetto e che iniziò come un gioco (http://letteredalconvento.wordpress.com/2014/10/20/divertissement-la-storia-di-un-gioco/) purtroppo rimase incompiuto. Capita a volte che la vita ci porti altrove, che alcune strade si dividano, che il tempo rosicchi gli spazi che ci concediamo per essere leggeri.

Mancano 14 puntate alla fine del feuilleton incompiuto. E allora che si fa? Rappel!

Volete far continuare le avventure di Concetta, Lillo, Mela, Padre Turi, Suor Frustina, la ‘gna Razia e naturalmente ‘u Signoggianni? E allora inventate un personaggio, fatelo intervenire nella storia e mandate le vostre lettere a emera64@gmail.com

Potete inventare nuovi personaggi e nuove situazioni. Non per forza in siciliano (perché tra poco leggerete anche lettere in francese e in inglese). Siete liberi di scegliere come proseguire ma fatelo. Questo matrimonio s’ha da fare!

Devotamente

EE.

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Ventitreesima puntata

Le disgrazie fanno diventar disinvolti

Da Grazia a Mela, Maria Concetta e Lillo

Scimuniti tutti pari pari quantu siti, tutti, tutti pari pari pari.

A cchi meili, Pariggi, cosi, sbilli sbolli, ma cchi gghiti cuntannu? Ca menu mali ca c’è a ‘gna ‘Razia, ca siti pessi, pessi, pessi!

Mela, ccu ttia staju parranno, ca to zia è na sballata di ciriveddu. Me frati, chiddu cci a ddari alivi, aranci, cipuddi, sinapi. Allura, cca a situazione è critica, ma accusì critica ca mi appi a luvari ‘i bigudini da a testa ca mi stava fannu ‘n beddu tirabaci, supra l’occhiu, beddu azzurrino, ca ‘st’annu si potta. Ca è all’uttimo grido. Ma nun ghittamu vuci, ppi faureddu, silenzio e muti. Mela, t’arrivuoddi a Saridda, chidda bidditta coi bafficeddi e i capiddi russi beddi ‘ncaccati ‘nta testa, ‘u nasu longu e ‘u petto ranni ranni? Sai cui, a figghia di Cicciu ‘u babbu, ‘u mastru, ecco. Saridda, si nni iu fora do paisi, tutta bedda com’era, pattìu cu Peppu ‘u sciancatu, so patri e so matri aspittavunu notizzi, e chista non ni rava. Poi u sai comu tunnau? Cu ‘na panza tanta ca si fici ‘ncinta. Ju comu u seppi, siccome sugnu – non ppì farsa molestia – la spetta do paisi, fui ‘nteppellata ppì dari ‘n consigliu. Ci dissi a so patri: iaiu ‘n ottimo rimediu anticu, anticuni comu a mmia, chiuritila ‘n casa e nun’a fati nesciri ppì nenti o munnu, picchì ommai chissà è segnata ppì buttana. Ora: ‘u paisi eppi macari ‘na bella peddita, picchì a figghia era macari simpatica, bedda, ‘u sai, ma ju mi scantu, Mela, che a ttia ti finisci accussì. Su tonni, non ti poi maritari cchiui, picchì si buttana! E i genti ggià stanu parranno. Oggi, cco meili si sannu tanti cosi. Quinti aspettu ‘na littra to: o tu entro tri gghionna m’arrispunni e luvamu ‘sta fassa, o ti vegnu a pigghia ju stissa, e poi po paisi viremu chi si po fari.

Dicci anche a ddu cunnutu di Padri Turi, ca ‘u sanu tutti pari ca è buttanu macari iddu, manciatariu e ti cunta sulu lamenti.

Pigghia provvedimenti, Mela!

A ‘gna Razia

 

Lettera sugli apprezzamenti di matrice culinaria

caponata-1

 

Cara amica,

proseguo nella narrazione dei complimenti esternati dai maschi catanesi alle donne, per strada. Molto prima che la cucina invadesse i palinsesti televisivi e che cuochi e mangioni diventassero opinion leader, ecco il fatto occorsomi.

Catania. Un giorno camminavo nei pressi di un ponteggio posto davanti a un palazzo in ristrutturazione. Uno degli operai, in pausa, stava mangiando un panino dall’aspetto particolarmente asciutto. Io sbircio appena e vado avanti. Sento il suo sguardo seguirmi e poi la sua voce: “Veni ccà, caponatina mia”. Buongustaio.

Devotamente

EE.

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Ventiduesima puntata

Da Mela a zio Lillo e a Padre Turi

Caro Zietto e Riverito Padre Turi,

sono qui con la cara zia e ho pensato di farvi conoscere una delle consorelle di questo poi ricovero che ci ospita, ve ne mando una fotografia. La mia amica, sorella Chouchou, si occupa dei pellegrini penitenti. Ah, caro zietto, caro Padre Turi, che difficoltoso impegno è il suo… Mi si spezza il cuore solo a pensarci. Ma sapete quanti poveri meschinelli che vivono nel peccato di rivolgono alla cara Chouchou per espiare? E’ incredibile come la necessità di ricevere la Grazia sia così forte da costringerli anche di notte (soprattutto di notte) a bussare al nostro pio ricovero. E noi, zietto, Padre Turi, abbiamo sempre una buona parola di ristoro per tutti.

La zia vi saluta e le sorelle mi chiedono di invitravi qui a passare qualche settimana di piena letizia e pace.

La vostra pia

Mela

Femdom-Leash-04

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Ventunesima puntata

Da Lillo a Maria Concetta

Maria Cuncetta, mugghieri mia,

‘nfinammenti ti pozzu arrispunniri. Ma ‘a cuppa è tutta tua: mi scrivesti ‘na littra longa, longa, longa, e u sai ca iu ci mettu n’annicchia pi leggeri. Ma stavota mi spicciai: na misata scarsa ci misi ‘ppi liggirila tutta. Tu si sempri peggiu. Chi mi cunti di cogghiri aranci? No sai ca ni stu periutu si cogghiunu alivi? E si fa l’ogghiu? Doppu cent’anni ancora nenti capisci. Basta ca sì co’ meili. Appoi sto meili arriva ni me soru Razia, picchì u sai ca iu non aiu u computi… Me soru rici ca si cretina come sempri. E avi raggiuni, sbagghiai a mannari a ttia a Pariggi, macari picchì tu non capisci nenti di francisi. Iu sì ca parru francisi, picchì a Pariggi già ci fui ddu vote, quannu accumpagnavu a me’ cucino Ianu ca ci vinneva l’aranci a Pariggi. Belli tempi, quannu ancora mancu ti canusceva. Iu e Ianu avevumu ‘na stanza c’un lettu, iu mi cuccava di iuorno e iddu di notti. Cettu, dopu ‘na simana ‘u lettu ‘n pocu fiteva, ma nenti ci faceva. Pecciò a notti iu non mi puteva cuccari, e mi ciccava sempe na fìmmina. E quanti ci nn’eranu! E accussì mi ‘mparai u francisi… U sai comu parrava bonu… ‘na vota ristai a Pariggi quattru iorna, e n’autra vota sei… Pecciò u parru bonu… Tu mi rici ca Mela è secchisi e fa un saccu di soddi. Secunnu mia non è ‘nta ‘nconventu, secunni mia fa ‘a buttana… Ma iu pi ora sugnu troppu ‘mpignatu a cogghiri l’alivi pi veniri. Cettu, pi ttia non c’è pericolu, ma pi idda sì… Nenti, a cuppa fu tutta di du patri Turi, chiddu c’a spata di focu, iddu fu ca cumminciu e a misi a mala strata. Nenti, mugghiri mia, ora n’ama dari di vessu, ama truvari n’atru signò Gianni, n’atru fissa ca sa pigghia com’è gghiè. Picchì iù, e tu u sai, soddi non ni pozzu nesciri. Quannu tonni? Spicciati, ca ora veni Natali.

Me soru mancu ti saluta, dice ca non tu meriti. Ma iù ti mannu ‘nvasuni, amuri miu.

Lillu

 

Imparpaglione Calogero
Via Roma, 2742
99142 Turulifu
Sicilia

 

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Ventesima puntata

La povera Mela sentendo che il cuore era lì lì per pentirsi…

Da Mela a Padre Turi

Riverito e pio Padre Turi,

è da molto tempo che mando mie notizie e mi scuso per questo. Chissà come la Vostra santa anima pia avrà sofferto per il mio silenzio. E quelle premure che prestavo a Voi quando doglievateVi per quella affezione che vi induriva una parte del corpo e solo le mie frizioni riuscivano a calmarVi, avete trovato un rimedio? Spero che non siate costretto ad applicar da solo i linimenti?

Qui a Parigi sono stata accolta in un pio ricovero per giovinette e adesso anche la cara zia Concetta è con me. Lei trascorre il suo tempo con Madame Jolie de Cochon, la proprietaria ed amministratrice di questa pia dimora che gestisce il denaro che noi procuriamo per devolverlo in beneficenza. Sapete, anche lei da giovane faceva la stessa raccolta di fondi che ora faccio io con le mie nuove consorelle: Petite Bouche, le gemelle Les biches, la Grand Putain. Delle care ragazze tutte, mi hanno insegnato molto. Qui abbiamo delle nuove divise e questo ordine impone il cambiamento del colore dei capelli: io li ho rosso fragola (come il sangue delle ferite dei martiri) e il nome che mi è stato imposto è Melà de Pigalle (Pigalle è una zona pia di Parigi piena di ricoveri per giovinette come quello che ospita me e la carissima zia). Qui mi hanno insegnato nuove forme di devozione: spesso i pellegrini che accolgo nel mio ricovero mi chiedono di inginocchiarmi (sono così pii!) per pregare insieme a loro. L’estasi, Padre Turi sopraggiunge quasi subito quando congiungo le mani per rivolgermi al mistero dell’evento salvifico. Altre consorelle si dedicano alle pratiche dell’espiazione perché qui accogliamo anche pellegrini gravati dal peccato che espiano facendosi fustigare ripetutamente.

Mi manca lo zio e mi mancano le Vostre parole, caro Padre Turi.

Sappiatemi pia

Vostra

Melà