Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Ventitreesima puntata

Le disgrazie fanno diventar disinvolti

Da Grazia a Mela, Maria Concetta e Lillo

Scimuniti tutti pari pari quantu siti, tutti, tutti pari pari pari.

A cchi meili, Pariggi, cosi, sbilli sbolli, ma cchi gghiti cuntannu? Ca menu mali ca c’è a ‘gna ‘Razia, ca siti pessi, pessi, pessi!

Mela, ccu ttia staju parranno, ca to zia è na sballata di ciriveddu. Me frati, chiddu cci a ddari alivi, aranci, cipuddi, sinapi. Allura, cca a situazione è critica, ma accusì critica ca mi appi a luvari ‘i bigudini da a testa ca mi stava fannu ‘n beddu tirabaci, supra l’occhiu, beddu azzurrino, ca ‘st’annu si potta. Ca è all’uttimo grido. Ma nun ghittamu vuci, ppi faureddu, silenzio e muti. Mela, t’arrivuoddi a Saridda, chidda bidditta coi bafficeddi e i capiddi russi beddi ‘ncaccati ‘nta testa, ‘u nasu longu e ‘u petto ranni ranni? Sai cui, a figghia di Cicciu ‘u babbu, ‘u mastru, ecco. Saridda, si nni iu fora do paisi, tutta bedda com’era, pattìu cu Peppu ‘u sciancatu, so patri e so matri aspittavunu notizzi, e chista non ni rava. Poi u sai comu tunnau? Cu ‘na panza tanta ca si fici ‘ncinta. Ju comu u seppi, siccome sugnu – non ppì farsa molestia – la spetta do paisi, fui ‘nteppellata ppì dari ‘n consigliu. Ci dissi a so patri: iaiu ‘n ottimo rimediu anticu, anticuni comu a mmia, chiuritila ‘n casa e nun’a fati nesciri ppì nenti o munnu, picchì ommai chissà è segnata ppì buttana. Ora: ‘u paisi eppi macari ‘na bella peddita, picchì a figghia era macari simpatica, bedda, ‘u sai, ma ju mi scantu, Mela, che a ttia ti finisci accussì. Su tonni, non ti poi maritari cchiui, picchì si buttana! E i genti ggià stanu parranno. Oggi, cco meili si sannu tanti cosi. Quinti aspettu ‘na littra to: o tu entro tri gghionna m’arrispunni e luvamu ‘sta fassa, o ti vegnu a pigghia ju stissa, e poi po paisi viremu chi si po fari.

Dicci anche a ddu cunnutu di Padri Turi, ca ‘u sanu tutti pari ca è buttanu macari iddu, manciatariu e ti cunta sulu lamenti.

Pigghia provvedimenti, Mela!

A ‘gna Razia

 

Lettera sugli apprezzamenti di matrice culinaria

caponata-1

 

Cara amica,

proseguo nella narrazione dei complimenti esternati dai maschi catanesi alle donne, per strada. Molto prima che la cucina invadesse i palinsesti televisivi e che cuochi e mangioni diventassero opinion leader, ecco il fatto occorsomi.

Catania. Un giorno camminavo nei pressi di un ponteggio posto davanti a un palazzo in ristrutturazione. Uno degli operai, in pausa, stava mangiando un panino dall’aspetto particolarmente asciutto. Io sbircio appena e vado avanti. Sento il suo sguardo seguirmi e poi la sua voce: “Veni ccà, caponatina mia”. Buongustaio.

Devotamente

EE.

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Ventiduesima puntata

Da Mela a zio Lillo e a Padre Turi

Caro Zietto e Riverito Padre Turi,

sono qui con la cara zia e ho pensato di farvi conoscere una delle consorelle di questo poi ricovero che ci ospita, ve ne mando una fotografia. La mia amica, sorella Chouchou, si occupa dei pellegrini penitenti. Ah, caro zietto, caro Padre Turi, che difficoltoso impegno è il suo… Mi si spezza il cuore solo a pensarci. Ma sapete quanti poveri meschinelli che vivono nel peccato di rivolgono alla cara Chouchou per espiare? E’ incredibile come la necessità di ricevere la Grazia sia così forte da costringerli anche di notte (soprattutto di notte) a bussare al nostro pio ricovero. E noi, zietto, Padre Turi, abbiamo sempre una buona parola di ristoro per tutti.

La zia vi saluta e le sorelle mi chiedono di invitravi qui a passare qualche settimana di piena letizia e pace.

La vostra pia

Mela

Femdom-Leash-04

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Ventunesima puntata

Da Lillo a Maria Concetta

Maria Cuncetta, mugghieri mia,

‘nfinammenti ti pozzu arrispunniri. Ma ‘a cuppa è tutta tua: mi scrivesti ‘na littra longa, longa, longa, e u sai ca iu ci mettu n’annicchia pi leggeri. Ma stavota mi spicciai: na misata scarsa ci misi ‘ppi liggirila tutta. Tu si sempri peggiu. Chi mi cunti di cogghiri aranci? No sai ca ni stu periutu si cogghiunu alivi? E si fa l’ogghiu? Doppu cent’anni ancora nenti capisci. Basta ca sì co’ meili. Appoi sto meili arriva ni me soru Razia, picchì u sai ca iu non aiu u computi… Me soru rici ca si cretina come sempri. E avi raggiuni, sbagghiai a mannari a ttia a Pariggi, macari picchì tu non capisci nenti di francisi. Iu sì ca parru francisi, picchì a Pariggi già ci fui ddu vote, quannu accumpagnavu a me’ cucino Ianu ca ci vinneva l’aranci a Pariggi. Belli tempi, quannu ancora mancu ti canusceva. Iu e Ianu avevumu ‘na stanza c’un lettu, iu mi cuccava di iuorno e iddu di notti. Cettu, dopu ‘na simana ‘u lettu ‘n pocu fiteva, ma nenti ci faceva. Pecciò a notti iu non mi puteva cuccari, e mi ciccava sempe na fìmmina. E quanti ci nn’eranu! E accussì mi ‘mparai u francisi… U sai comu parrava bonu… ‘na vota ristai a Pariggi quattru iorna, e n’autra vota sei… Pecciò u parru bonu… Tu mi rici ca Mela è secchisi e fa un saccu di soddi. Secunnu mia non è ‘nta ‘nconventu, secunni mia fa ‘a buttana… Ma iu pi ora sugnu troppu ‘mpignatu a cogghiri l’alivi pi veniri. Cettu, pi ttia non c’è pericolu, ma pi idda sì… Nenti, a cuppa fu tutta di du patri Turi, chiddu c’a spata di focu, iddu fu ca cumminciu e a misi a mala strata. Nenti, mugghiri mia, ora n’ama dari di vessu, ama truvari n’atru signò Gianni, n’atru fissa ca sa pigghia com’è gghiè. Picchì iù, e tu u sai, soddi non ni pozzu nesciri. Quannu tonni? Spicciati, ca ora veni Natali.

Me soru mancu ti saluta, dice ca non tu meriti. Ma iù ti mannu ‘nvasuni, amuri miu.

Lillu

 

Imparpaglione Calogero
Via Roma, 2742
99142 Turulifu
Sicilia

 

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Ventesima puntata

La povera Mela sentendo che il cuore era lì lì per pentirsi…

Da Mela a Padre Turi

Riverito e pio Padre Turi,

è da molto tempo che mando mie notizie e mi scuso per questo. Chissà come la Vostra santa anima pia avrà sofferto per il mio silenzio. E quelle premure che prestavo a Voi quando doglievateVi per quella affezione che vi induriva una parte del corpo e solo le mie frizioni riuscivano a calmarVi, avete trovato un rimedio? Spero che non siate costretto ad applicar da solo i linimenti?

Qui a Parigi sono stata accolta in un pio ricovero per giovinette e adesso anche la cara zia Concetta è con me. Lei trascorre il suo tempo con Madame Jolie de Cochon, la proprietaria ed amministratrice di questa pia dimora che gestisce il denaro che noi procuriamo per devolverlo in beneficenza. Sapete, anche lei da giovane faceva la stessa raccolta di fondi che ora faccio io con le mie nuove consorelle: Petite Bouche, le gemelle Les biches, la Grand Putain. Delle care ragazze tutte, mi hanno insegnato molto. Qui abbiamo delle nuove divise e questo ordine impone il cambiamento del colore dei capelli: io li ho rosso fragola (come il sangue delle ferite dei martiri) e il nome che mi è stato imposto è Melà de Pigalle (Pigalle è una zona pia di Parigi piena di ricoveri per giovinette come quello che ospita me e la carissima zia). Qui mi hanno insegnato nuove forme di devozione: spesso i pellegrini che accolgo nel mio ricovero mi chiedono di inginocchiarmi (sono così pii!) per pregare insieme a loro. L’estasi, Padre Turi sopraggiunge quasi subito quando congiungo le mani per rivolgermi al mistero dell’evento salvifico. Altre consorelle si dedicano alle pratiche dell’espiazione perché qui accogliamo anche pellegrini gravati dal peccato che espiano facendosi fustigare ripetutamente.

Mi manca lo zio e mi mancano le Vostre parole, caro Padre Turi.

Sappiatemi pia

Vostra

Melà

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Diciannovesima puntata

Da Maria Concetta a Lillo.

Lillu, ‘a mugghieri,

finammenti mi pozzu assittari n’anticchia ca jaiu i caddi ca m’arrivunu o tuppu e ti pozzo scriviri.

Ccà ‘i francisi janu tutti ‘u meili, e ju ci addumannai a puttera su mi faceva fari ‘na littra, ca è chista, pi ttia. Chidda si siddiau, fossi picchì francisi non nni parru, e ci fici signali cche manu, ci riceva: meili, a meili aju a scriviri. Nenti, pari ca parrava miricano. No, tuccu, pari ca parrava tuccu. Allura isai ‘a vuci. Nenti, non mi capeva.

Viri, risgraziatu ca nun si aiutru sempri appressu a dd’aranci, su binevutu, non è ca cettamenti putevutu fari quacche cosa, picchì tu di francisi nu nnà saputu mai, ma ammenu, chi sacciu, a pigghiavumu tuttu rui da ‘a seggia a susevumu e ni sittavumu no compiute ppì scriviri. No ca mi l’appi a mpunniri ju e pp’amuri di fari stu meili ‘a ittai n’terra. Ca veni a diri era quanto a to soru Rosa, centu chila sicuru c’era. Sicuru!

Ora ti cuntu ‘u viaggiu, va bene, ‘a mugghieri?

U viaggiu fu troppu bellu, mi scialai. Comu arrivaiu all’ariopottu, ca mi lassasti tu cu dda lapa ca veni a diri c’iama misu ‘u stissu tempu ca ci misi ju ppi arrivari a Parigi ccu l’Air Plano, mi nni subbito a farimi ‘u cecchino, e chiddu mi resi ‘n posto bellu, ‘u cchiu bellu, era all’uttimo, vicino ‘u cessu. Ppi essiri comomoda, no? Tu ‘u sai che ju cci ha gghiri spissuliddu. Poi c’era ‘na machina da polizia ca vireva su avevumu ammi di pistoli, cutedda, bummi. Prima ci passai e sunai tutta para. Ca cettu: avevu ‘u cuteddu ppi munnari a scalora. E mu ficiru lassari. ‘U beddu cuteddu, peccato. Ju ci rissi, me maritu m’ammazza! E vinni ‘na polizziotta ca mi spiau si ttù mi fai madestie violenti. Ju ci rissi: Ma cui, Lillu? Non si n’à parrari, Iddu mancu i bratti ccù l’ali sapì scacciari!

Comunque. Poi appi a trasiri ‘a scalora, ‘u vacila de peri, ‘i mulinciani ‘o funnu e ‘u sangeli ‘nta a machina. Prima ‘nu bestia milanisi, chidda ci passi a so robba, e ci l’appi a tirari: pecciò ju tirava e n’terra cascavunu pipi, cacociola, tutti cosi. Poi ‘stu meccanismu s’anceppau, ‘u fetu di frittu si stava accupannu, ‘a poliziotta si cassiarau tutta. Nenti ci fu n’infennu. Poi chissa accuminciau a tuccari, tocca c’abbanna, tocca d’abbanna. Pareva ca ciccava cosi, ma ju cchi sacciu cosi modenni e ‘u capii subuto ca era trisessuali e mi vuleva munciri i minni. Ma lassamu peddiri, va.

‘U viaggiu fu bonu, sulu ca c’era unu ca sa fici tutta parrannu ‘ntel microfobo e non si potti rommiri: “Semu a tanti metri cca supra, semu dda supra, semu ca, ‘u capitanu vi saluta..” ca pari ca ju ‘u canusceva ‘u capitano! Chi mi nni futti ca mi saluta, pinsassi a guidari l’arioplano e non ni facissi ‘ntappari ‘nta quacchi macciapiedi. Però ni rialaru macari ‘u savvagenti. I genti ‘u lassanu ma ju mu puttai, ‘u sai che bellu? Giallo, bello è. ‘Sta ‘stati ‘u unchiamu e ti fai ‘u bagnu ‘a Plaia. Sai natari Lillu? Ti pari ca m’arriordu?

Ca ‘a Parigi c’è Mela, ca è fatta bedda. Cettu ‘mpocu, chi sacciu, mi pari ca rommi. E’ tipu stunata, pari ca ci ana ratu sonnifico. E’ ‘nta stu cummentu laicu. ‘A badissa è una ca cettu, proprio a diri ca mi cummincìu no, ma chi sacciu, mi rissi ca m’aju a rimodennari, ca m’aju a fari i capiddi, mi vuleva fari mettiri i tacchi. ‘A Parigi ‘i monichi su accussì.

Lillu, ma sugnu cosa di tacchi ju? Ma si aiu caddi ca veni a diri comu spingiu mperi cascu!

Mela è tutta secchisi. ‘U sai chi veni a diri secchisi veru? Significa si usa, ca si potta, va.

Ma tu cchi ‘a sapiri, puureddu. Munni aranci e ficurinia e ti vò cucchi.

Iavi Mela ‘a gonna cutta, comu a chiddi da televisioni. Bona ci sta ca idda ca è sicca no comu a to soru Rosa. ‘U sai chi pari? Pari ‘na cosa fina.

E quanti soddi potta dintra! Idda fa beneficenza di chidda forti. Lillu, ju pinsai: picchì non veni e ni stamu ccà? Lassali l’aranci, veni macari tu, t’arrimodenni e ni stamu tannicchia nei francisi. Tantu vadda, di parrari non si po parrari, di sentiri chi volunu diri mancu. Stamu ‘nta paci.

Lillu, arispunni, ‘a mugghieri! Chi si suddu? Bhi, mi scoddu sempri ca semu co meili e non mi senti!

Ora ti lasso. Nun mi salutari a to soru. A ‘st’ura sapi cche ll’aria malanova di idda. A idda ci facissi beni n’pocu di Francia!

Lillu, ricogghiti prestu e arispunni!

Cuncetta

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Diciottesima puntata

Il nostro autore non descrive quel viaggio notturno…

Da suor Frustina a Padre Turi

Egregio Padre,

Le scrivo dal Beato Maso delle Pecorelle Ariane, dove qualche giorno addietro condussi la signorina Mela affinché ritrovasse quella pace dell’anima necessaria per coltivare la virtù.

Esitai non poco prima di risolvermi a contattarLa, attendendo che la giovane tornasse in grado di intendere al fine di ottenere il suo consenso a parteciparLe quanto, ahimé, le accadde.

Riuscii a conquistarne la fiducia e riceverne parziali confidenze, che Le partecipo affinché possa rassicurare i cari zii di Mela, pregandoLa di omettere quanto, confidenzialmente, mi avvio a raccontarLe.

Mi trovavo in pellegrinaggio a Zurigo e, dopo la tappa nella banca in cui il nostro Ordine custodisce le proprie sostanze, percorrevo la Bahnhof Strasse, ove mi imbattei in Mela.

Lì, tra una gioielleria e una cioccolateria, ella faceva squallido commercio del suo corpo.

Compresi immantinentemente che la giovane era indotta al meretricio non già da cupidigia, ma dalla necessità di procacciarsi il denaro necessario per cedere al vizio che si era impossessato sia del suo corpo che della sua anima.

La derelitta, infatti, non chiedeva denaro in cambio delle sue carni, ma proponeva ai passanti: “un colpetto per un dolcetto” (che Iddio la perdoni), mentre mormorava tra sé un’espressione oscura, ossia: “un viaggio e due servizi”, il cui senso Le chiedo di chiarirmi.

Mela era stata abbandonata da un debosciato che, dopo averle promesso di recarla seco a Parigi, l’aveva lasciata in balìa della propria ingenua inesperienza.

Come scritto in Ezechiele, “il sentiero dell’uomo giusto è minacciato da ogni lato dalle malvagità degli egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi.”

A dire della giovane, egli non le mancò di rispetto, anzi la avviò verso quella grazia che non aveva mai conosciuto.

La ragazza, per la disperazione, era entrata nel tunnel della cioccolata fondente artigianale (che costa l’equivalente di € 99,99 al grammo), addentrandovesene al punto di ingugitarne giornalmente almeno un etto.

La convinsi a seguirmi presso il luogo di pace ove io stessa oro et laboro e, dopo qualche giorno di terribile astinenza, è adesso libera dalla schiavitù che neutralizzò i suoi princìpi e i suoi valori.

Durante quei terribili momenti delirava menzionando l’angelo dalla spada di fuoco, pali, cordoni e il Suo nome, caro Padre: intuii chiari riferimenti alla Sua attività apostolica ed evangelica, a me del tutto ignoti. Se volesse darmene chiarimento potrei forse comprendere meglio la cara Mela… attendo fiduciosa e paziente le Sue delucidazioni.

Mela ha espresso il desiderio di restare qualche tempo presso il Beato Maso, ove le consorelle e me, amorevolmente guidate dalla Madre Badessa, svolgiamo attività contemplativa e duro lavoro per alleviare la sofferenza dei fratelli e delle sorelle che a noi si rivolgono.

Le spiegherò meglio in altra occasione.

RingraziandoLa della sua attenzione e della delicatezza che vorrà usare agli amorevoli zii, La saluto devotamente baciandoLe l’anello.

Suor Frustina II