Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Seconda puntata

Da zio Lillo a Mela

Niputedda d’o me cori,

n’a sentiri a zia. Sent’a mia, ca sugnu ‘u ziu.

M’arrivau vuci ca canuscisti ‘n bravu giuvani. E mi fa piaciri. Macari – dicu macari – ni potta quacchi punto p’accucchiari i riali Tamoil. Picchì ‘a zia dici ca i potta, ma poi unu sulu n’attruvau. Anzi, mischina.

Dicevamu di ‘stu picciottu. Ha stari attenta, mi senti, ‘o zio? Vadda ca c’è na riputazione di savvare, la tua intimirata virtù: ‘u sai chiddu ca tutti riciuni, ca i fimmini su tutti… e n’o pozzu diciri, pi rispetto d’a to intimirata virtù.

Ppi chistu l’itea di Maria Cuncetta è bona: putemo pattiri tutti quattru, ju, tu, Cuncetta e iddu. E viremu. Cettu, vi putiti sulu parrari. E su semu luntani megghiu è, accussì ‘a ggenti non sparra. E comunque, niputedda mia, su n’ama pattiri tutti quattru megghiu ca jemu luntanu, no a Sarausa, ca putemu fari brutti ‘ncontri: mi capisti, ‘o zio? E comunque, megghiu è ca ni viremu ppi canuscillu e parrarici.

Cuncetta si fici cunvinta cu stu meili ma ju non ci criru. ju ti scrivu, appoi fazzu na tilifunata, e a tia chi t’arriva? Nenti, ci rissi a Cuncetta. Ma idda non ni voli sentiri. Dici che funziona. ju ci rissi ca si fici futtiri, ma idda non mi criri. Ju, inveci, comu tutti i ggenti di Turulifu, ristai antico.

Ora ti lassu. ‘A zia priparò n’autra vota i brocculi ‘ffucati. Avi ca ci rissi ca mi jettunu pisanti, ‘nenti. Sira pi sira sempri a stissa cosa.

Viristi, niputi mia? C’ha pinsari prima, ca poi capaci ca iddu ti ‘nvilena comu fa Cuncetta, sira pi sira: ju vulissi ‘u pani cottu e idda mi cucina brocculi ‘ffucati. E sparti sugnu puru riffridatu.

Ti vogghiu beni, cori miu, e vogghiu u megghiu ppi ttia.

Ti vasu ‘nfronti

zu Lillu

 

Fremmo (Fremmo, Lillu!) e Cuncetta – Prima puntata

anelli-di-fidanzamento

 

L’historia si può veramente deffinire…

Da zia Maria Concetta a Mela

Bedda niputuzza zuccarata de’ i zii,

avemu tanti novità di cuntariti. Ppi chistu invece di vèniri a casa tua, ca c’è friddu fora e ‘u ziu stranuta sempri e nun vulissi ca ci veni na pummunìa, dici ca ora si usa sta posta elettrica – chi sacciu – e ti scrivemu di cca.

Ju. E ‘u ziu. Ovviamenti prima ju. Prima ‘i fimmini, è giustu?

Senti, bedduzza mia, intantu ‘a cosa principali: dici ca c’è nu picciottu beddu, pulitu, arucatu, finuliddu, dici ca è magari simpatico, vistutu bonu, di casa, ca insisti ca vulissi a to manu. Ora ju dicu: ‘u putemu vidiri a stu cristianu? Picchì tu ‘u sai: ju e ‘u ziu semu di gusti boni e avemu n’occhiu ppi ‘i partiti! Appoi nun ti dicu ‘u ziu! Chiddu è pignolu! ‘U sai com’è ‘u ziu, no? Ecco. sempri d’accussì, nun canciau nenti.

Ora, giuiuzza, a ‘stu cristianu fussi megghiu ca ju e Lillo ci damu na taliata. Su ci viniti a pigghiari, passamu magari na menza iurnata ‘nsemi, ah? Chi dici, ‘a zia?

Senti, senti: ma dici ca ‘stu carusu avi l’arioplano. Cettu, fussi magari bonu farisi ‘n giru pi sapiri comu abbola chistu. Picchì tu non ti poi mentiri acchianari supra all’arioplano di cui è gghiè!

Comu ‘u ziu finisci di stranutari, putissimu macari fari ‘na scampagnata, ccu ll’aerio. Cettu, no ppi forza luntanu, cchi sacciu, vessu Sarausa. No. Almenu iemu ppi l’Italia, ‘na vota ca ci semu facemu Praga ca ju ci ha statu quannu ancora nun canuscevu ‘u ziu, e iddu nun ci ha statu propria. Diccillu a ‘stu carusu. Iddu ca bbola, pensu ca i biglietti ‘i ttrova facili facili. Ppi prenotazioni da pensione facemu tuttu cosi ju e ziu. Na camera ppi nuautri, una ppi ttia e una (luntau, luntanuni) pp’o carusu. ‘U mintemu all’ultimu pianu. ‘Nta tirrazza. Su cc’è ‘a tirrazza ‘u mintemu ‘na tirrazza. Nun è ca putiti stari assemi! ‘U ziu si fa garanti della tua persona. Nenti tuccatini e cosa ammucciuni, ah? M’arraccumannu ‘a zia. Cettu, ppi strata aviti vogghia. Putiti stari cent’anni. Vui ca siti picciotti e caminati veloci stati avanti, ju e ‘u ziu, alleggiu alleggiu, d’arreri e taliamu. Taliamu. Videmu su ‘a cosa si pò fari.

Ora chiuru ‘sta posta elettrica prima ca cunsuma troppa elettricità. Ju di l’elettricità aiu bisognu, tu u sai ‘a ziuzza bedda. Aiu ‘a fari i broccola affucati e mi sevvi a luci ppi talialli boni. Speriamu ca ‘u ziu non ci jettunu pisanti comu a l’autra sira. Faceva, nta ddu lettu, susi e assetta, assetta e susi. Finu ‘e quattru. Susi assetta susi. Ju, comu ‘u taliai, ci dissi: i broccola ana statu! Viremu stasira. Ccu saluti

a zia maria cuncetta

Divertissement. La storia di un gioco

481_001

 

Caro amico,

alcuni anni fa, trovandomi a cena con amici, raccontai di un pilota che aveva cominciato a corteggiarmi con intenzioni che sembravano molto serie. Fin troppo per me. Aveva addirittura in programma di presentarmi alla mamma con tutto ciò che segue. Questo e altri elementi, durante quella cena, mi fecero dire che era bene scappare via a gambe levate dalla situazione a rischio.

I miei amici, scherzando, mi invitavano a “sistemarmi”, perché a una certa età è bene trovare un marito… e giù tutto il seguito di buoni e inutili consigli che, conoscendo la mia indole, erano detti ridendo.

L’indomani però, nella mia casella di posta elettronica trovai una divertentissima email scritta in un bislacco siciliano, con la quale due degli amici, fingendosi zii preoccupati che restassi zitella, imbastivano l’inizio di un carteggio ispirato nientemeno che al capolavoro di Alessandro Manzoni, in cui i promessi sposi saremmo stati appunto il pilota ed io.

Ebbene, quel gioco crebbe e agli zii si unirono – sempre via email – miei studenti, altri amici, colleghi. Non finimmo mai quella storia ma, a ripensarci oggi, il divertimento resta.

Quindi ho pensato di riproporla qui. A puntate, naturalmente, come un feuilleton. E spero che la cosa diverta anche te se vorrai seguirla. A presto dunque con la prima puntata.

Devotamente

EE.

Lettera sull’età adulta

libro_fava

 

Caro amico,

in questi giorni, scrivendo il mio secondo romanzo, mi interrogo spesso su cosa voglia dire essere adulti, crescere in un tempo dilatato o in un istante a causa di un evento che si pone nella nostra vita come uno spartiacque dandoci la consapevolezza che nulla, dopo, sarà uguale a prima.

Queste sensazioni solo quelle cui rimanda un bel libro scritto a quattro mani da Claudio Fava e Michele Gambino, Prima che la notte (Baldini e Castoldi). Te ne consiglio la lettura. La mia riflessione che riporto è stata pubblicata sulla pagina siciliana del quotidiano “La Repubblica” il 1° giugno di quest’anno (http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2014/06/01/la-notte-di-fava-adulto-per-forzaPalermo08.html?ref=search).

E’ inevitabile leggendo Prima che la notte (Baldini e Castoldi) che la memoria vada indietro nel tempo, velocemente e atrocemente fino al gennaio dell’84, cioè fino al momento in cui ciascuno di noi apprese della morte di Pippo Fava. A renderlo inevitabile è Claudio, suo figlio, che insieme a Michele Gambino narra, in un susseguirsi di immagini intense e vivide, come alcuni ragazzetti diventarono d’un tratto uomini. Claudio Fava aveva giocato a Risiko con gli amici la notte prima dell’omicidio del padre, dal giorno dopo non sarebbe più stato la stessa persona. Perché quando si perde un genitore, ci si accorge di colpo di essere i primi della fila e che davanti non c’è nessuno a tendere la mano se si ha bisogno di aiuto per continuare il cammino. Ma questo avviene anche perdendo un maestro, un punto di riferimento, qualcuno che in un determinato momento della vita riveste il ruolo di exemplum. E tutto questo è stato Pippo Fava per i carusi che per lui scrissero e con lui crebbero.

Sarebbe stato forse più facile narrare i fatti della sera del 5 gennaio fino all’omicidio di via dello Stadio, tornare sulle indagini, sui falsi moventi che si volevano dare in pasto all’opinione pubblica. Ma qui si è preferito far emergere l’uomo attraverso il farsi uomo di chi resta solo in una notte «che ti pesa addosso come un vestito stretto». Così, nella luce del ricordo, Fava e Gambino mettono insieme pagine potenti dalle quali si impara della mafia di più di quanto non si possa fare in altro modo.

La forza narrativa di Prima che la notte è racchiusa nella sua efficacia performante, nella possibilità che ciascuno, leggendo, si spogli dei propri panni diventando uno dei carusi di allora. Uno a cui, idealmente, Pippo Fava ha consegnato un pezzo di sé, come un testimone da portare alla meta.

Devotamente

EE.

 

Lettera sulle tipologie di investigatori

Cop_Variabile

Caro amico,

spesso mi trovo a disagio nell’imbattermi in quei gialli che hanno investigatori con caratteristiche così stereotipate da sembrare usciti tutti dalla stessa mano. Per questo, come già scrissi, amo tanto Remo Jacobi, nato dalla penna dell’eccellente Massimo Gardella. Così fuori dal comune quel personaggio italiano solo per un pezzetto, senza passioni particolari per le arti culinarie, senza particolari tic. Un personaggio che è difficile non amare.

Qualche tempo fa però mi imbatte in un’altra coppia di inquirenti fuori dal comune e fuori dal comune in generale. Il padre è Vincenzo Maimone, uno scrittore che spero si farà la strada che merita. Recentemente è uscito col suo nuovo romanzo per i Fratelli Frilli e ho avuto il piacere di recensirlo sulle pagine siciliane di Repubblica il 5 ottobre scorso (http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2014/10/05/il-professore-di-storia-indaga-e-maimone-fa-ancora-centroPalermo12.html?ref=search).

Il suo ultimo romanzo racconta una città immersa nel barocco siciliano, Acireale, apparentemente tranquilla finché l’omicidio di una giovane non la scuote. E questo è solo l’antefatto dell’ultimo romanzo del messinese Maimone che, giunto alla terza prova narrativa (Un nuovo inizio – finalista al Premio Scerbanenco – e L’ombra di Jago uscirono rispettivamente nel 2009 e nel 2011 per Sampognaro e Pupi) mette ancora in scena Tancredi Serravalle, professore di storia e filosofia (come l’autore), perplesso tra direttive ministeriali e desiderata della preside ma capace di mantenere un occhio critico sulla società. Accanto a lui c’è ancora il commissario Giacomo Costante, diviso tra Sicilia e Milano per dirimere il giallo della morte della donna che non è un delitto passionale ma uno dei nodi di un fitto intreccio a base di droga e di traffici poco chiari consumati tra palestre e locali di lap dance.

Ma per conoscere meglio i personaggi di Maimone di parlerò adesso del precedente episodio che li vede protagonisti usando una pagina che scrissi dopo la lettura del suo secondo giallo.

Un po’ di Jago e delle sue perfidie è in tutti noi. Lo sa bene Tancredi Serravalle, professore di filosofia di un liceo siciliano che potrebbe anche avere una vita normale se un ingombrante senso morale non gli si manifestasse con un’insistente vocetta interiore, il suo “demone socratico” capace di spingerlo a dire e fare cose che l’ottuso preside ritiene immancabilmente fuori luogo.

D’altra parte di cose da mettere a posto per Tancredi Serravalle ce ne sono parecchie. Non certo in casa dove vive serenamente con la moglie Camilla e la figlia ma sicuramente al lavoro, soprattutto quando si imbatte in una delle solite storie di bullismo che si consumano nelle aule delle scuole e che a volte hanno esiti drammatici. Vittima assai poco consenziente è uno degli studenti più bravi e coscienziosi del liceo, Malik Senghor, figlio di Fatima, una bellissima vedova immigrata dalle coste dell’Africa su uno dei tanti barconi della speranza e arrivata in Sicilia con una gran voglia di lavorare, nessuna propensione ai compromessi sessuali e la certezza di poter dare un futuro migliore al figlio. L’altro, il bullo, è Silvio Bongiovanni, un ignorante che si fa forte della posizione sociale del padre e si circonda di un’insulsa corte di perdigiorno come lui. Per complicare il tutto, i due, Malik e Silvio, sono innamorati della stessa ragazza, Sarah che, naturalmente, preferisce il bravo Malik all’arrogante figlio di papà. E a vegliare sull’amore dei due, sembra esserci Giulio, l’amico di sempre di Malik.

E fin qui i problemi di Serravalle somigliano a quelli di molti altri professori. Però l’autore del romanzo, Vincenzo Maimone, messinese alla sua seconda prova narrativa e ricercatore di Filosofia alla Facoltà di Scienze politiche dall’ateneo catanese, in questo L’ombra di Jago, imbastisce intorno al protagonista un’altra vicenda dalle tinte ben più fosche che, per volontà o per caso, riguarda ancora una volta la scuola. Infatti, mentre Tancredi è impegnato a far funzionare le cose in classe, arriva da Milano la telefonata del vecchio compagno di scuola, Federico Rigotti, fissato con le rimpatriate, che ne annuncia una organizzata proprio in quei giorni. Ma a quella cena tra improbabili amici, Federico non arriverà mai e sarà proprio Tancredi a trovarlo morto nella sua camera d’albergo.

Federico è stato avvelenato e la storia si tinge subito di giallo. Ad indagare sul caso Rigotti e, inaspettatamente, anche sull’improvvisa e misteriosa scomparsa di Malik e di Silvio, è il commissario Giacomo Costante, acuto nel risolvere i casi molto di più di quanto non lo sia nel capire le malizie femminili della fidanzata.

Tancredi e Costante sono amici di vecchia data – si erano infatti ritrovati insieme ad indagare sulla morte di un collega di Serravalle, Vittorio Sapienza nel primo romanzo di Maimone – e il commissario ha piena fiducia nelle intuizioni del professore.

Su una trama complessa e corale Vincenzo Maimone ha la capacità di tenere in mano le fila di tutte le vicende grazie ad una totale padronanza dei personaggi. Ciascuno di loro, infatti, è perfettamente caratterizzato senza per questo attingere al parco di piccole manie e soliti tic ai quali sono abituati i lettori di gialli, ma non lesinando piccole incursioni nel pulp e molte riflessioni non banali sull’attualità politica italiana.

Il giallo stesso è infatti intessuto intorno a due diverse storie di incomprensioni adolescenziali, di traumi vissuti tra i banchi di scuola. Storie lontane non solo cronologicamente dato che una riguarda proprio il vecchio amico di Tancredi e il suo odio covato per anni nei confronti dei compagni, ma anche sul piano della sociologia dei gruppi. La drammatica sfida tra Malik e Silvio è infatti interamente giocata sul problema dell’integrazione degli immigrati e del rifiuto di accettare la loro affermazione sociale, sia tra in classe che nella vita.

Ma quando sembra che tutto si possa ricondurre al bullismo o alle mancate attenzioni da parte di una ragazza, l’ombra di Jago evocata nel titolo del romanzo si allunga sulle due storie dando a tutta la trama un nuovo significato. Il desiderio di vendetta incarnato da Jago, l’eterno cattivo, è la chiave di volta per risolvere i due casi paralleli e per pescare nei sensi riposti di un romanzo in cui intolleranza, razzismo, sopraffazione e soprattutto gelosia, quella shakespeariana e atroce in nome della quale si mente e si uccide, sono gli oscuri criteri di interpretazione di una società che ha smarrito il senso morale consegnatole da Socrate e da Kant.

Devotamente

EE.

Lettera sulla dignità di scrittore

10646823_866329056712983_3873916310668800006_n

Caro amico,

qualche settimana fa, grazie a Silvio Aparo che a Solarino, con un coraggio che francamente bisognerebbe invidiargli, ha fondato una dinamica casa editrice, la Melino Nerella, sono stata ospite per un giorno del carcere di Busto Arsizio.

I detenuti, tra le altre attività, hanno seguito un corso di scrittura al termine del quale hanno dato vita a un volumetto pubblicato appunto da Melino Nerella che contiene una riflessione di Erri De Luca e una mia modesta prefazione.

Potrei dirti molte cose sul volumetto e sui racconti scritti dai detenuti, potrei parlarti della tenerezza e dell’ingenuità che traspare da quasi tutte le loro pagine, ma non è ciò di cui voglio parlarti oggi.

Oggi voglio parlarti di retorica e antiretorica. Mi spiego. Non ero mai entrata in un carcere e non sapevo esattamente quali sensazioni avrei provato. Pensavo comunque alla paura, alla sensazione di irreparabilità, alla tristezza ma soprattutto all’imbarazzo quello che in misura certo minore avevo già provato buttando giù le mie righe di premessa ai racconti. Un imbarazzo che si prova sempre di fronte a una qualsiasi “diversità”. Io e loro saremmo stati “diversi”: io ero fuori e loro dentro, mi dicevo prima di entrare, prima di attraversare porte, di sentire sbarre che si chiudono, di vedere chiavi, secondini, di consegnare borse, documenti, cellulari… Ciò che ho provato è stato invece molto diverso. Con ciò non voglio certo dire che l’esperienza non mi abbia provata ma la sensazione di essere aliena a qualcuno non mi è venuta dal contatto coi reclusi ma con gli altri, con gli altri esponenti delle “persone libere” che quel giorno presenziavano con me alla presentazione.

Sono entrata con l’animo predisposto a sentire gli autori parlare dei loro scritti ma, con mio sconforto, per oltre la metà del tempo ho sentito di dover soffrire insieme a loro, in quella sala chiusa da grate, per la retorica che sulla loro pelle si stava consumando segnandoli più indelebilmente dei tatuaggi che si portano sulla pelle e di cui ci hanno poi raccontato.

Direttori, responsabili, politici e altra bella gente, quasi tutta (dico quasi, non tutti, per fortuna mi hanno lasciato addosso questa poco gradevole sensazione) impegnata solo ad appuntarsi al bavero della giacca la medaglia per la bella iniziativa mentre la scrittura di quegli uomini passava in secondo piano. Qualcuno ha avuto addirittura la spudoratezza di levare nei loro confronti parole di conforto come: “Non credete, nemmeno noi fuori siamo liberi”. E io avevo voglia di gridare e forse avrei dovuto farlo. Loro no, gli scrittori (cui i più irragionevolmente si rivolgevano dando del tu, come se la reclusione non renda degni dell’educazione che si riserva agli altri sconosciuti in cui ci imbattiamo) facevano la loro parte, come sempre. Perché compito di uno scrittore è appunto scrivere e demandare alla parola scritta il grido che è dentro ciascuno, così come il riso, il pianto.

Poi finalmente ho sentito le loro voci, relegate alla fine delle varie inutili prolusioni autocelebrative e tutto è cambiato: loro, i detenuti, parlavano del libro, della genesi, di cosa aveva significato scriverlo, di cosa li aveva ispirati. Tutto così, senza alcun cenno alla contingenza della detenzione.

E quel che è sorprendente è che alla fine della presentazione, io sia stata la sola a chiedere gli autografi degli autori sulla mia copia del volume. Devo forse pensare che le personalità presenti non siano mai state alla presentazione di un libro o, peggio, che non credano di poter riconoscere a un detenuto la dignità di scrittore?

Dignità, ecco. Questa è la parola. Perché chi scrive, al di là del risultato che raggiunge deve potersi vedere riconoscere la dignità di scrittore. Perché se la dignità umana è un bene inalienabile, altre forme di dignità possono essere alienate. Nel momento in cui chi a parlato ha detto che il volume che si presentava, Ecoscandagli, aveva un valore sono in quanto scritto all’interno di un carcere, nell’atto stesso di aggiungere dignità all’operazione, ne toglieva agli autori dietro un pietoso sottinteso che suonerebbe più o meno: “il libro è quel che è ma, poverini, gli autori sono carcerati”.

No, gli autori sono tali indipendentemente dal luogo in cui scrivono e, da una parte all’altra delle sbarre, esprimono se stessi attraverso la parola.

Perdonami la vis polemica e, se hai pazienza, perdi ancora qualche minuto e leggi la prefazione che ho scritto ad Ecoscandagli.

Devotamente

EE.

Liberi di scrivere.

La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere. (Ennio Flaiano)

Qualche anno fa l’editrice San Raffaele diede alle stampe il volume Tra scrittura e libertà che raccoglieva i discorsi pronunciati dai vincitori del Nobel all’Accademia di Svezia.

Donne e uomini curiosamente imparentati a Derek Walcott (anche lui insignito del Nobel nel 1992) e dunque, come lui stesso affermò di sé, donne e uomini innamorati dell’umanità nonostante la storia dell’umanità, innamorati del mondo nonostante i peccati del mondo.

Al di là dell’interesse nella rilettura di quelle pagine vergate da Camus, Steinbeck, Faulkner, Singer, Bellow, Marquez, dalla Lessing e dalla Gordimer, da Saramago e Vargas Llosa, al di là della possibilità di studiare l’evoluzione del “discorso della cerimonia” che, attraverso gli anni, è divenuto più che lectio una sorta di manifesto di poetica della libertà dello scrittore e dell’uomo, resta il fatto che la maggior parte delle riflessioni sul perché si legge e perché si scrive hanno a che fare con la dignità dell’essere umano. Valore intrinseco ed inestimabile, della dignità nessuno mai può essere privato, in nessuna condizione; perché essa non è legata al sesso, non alla razza, non alla condizione sociale e culturale, non al credo religioso o alla nazionalità ma esiste in sé come carattere inalienabile di ciascuno. A fronte dell’immanenza della dignità, le vicende del mondo hanno insegnato troppo spesso come questa possa essere calpestata o addirittura negata da altri quando non da quei se stessi perduti in una delle tante strade oblique dell’esistenza o dell’anima.

Veicolo di salvezza contro l’orrore della perdita di dignità e contro il dolore della privazione della libertà è la ricerca della bellezza e di quella che si fa parola perché la parola, per dirla con Flaiano, è la sola meritevole della nostra fiducia, ancor prima dei “fingimenti” narrazione che sono già sovrastruttura esposta alle possibili corrosioni.

E’ l’anelito alla bellezza del verbo – fu il Verbo a farsi carne – che divenne così ricerca di libertà nella disumanità dei lager, nel vuoto di senso dei gulag, nella lacerazione dell’esilio, nel silenzio doloroso della dittatura ma anche nella lunga strada verso il recupero alla società rappresentata dalla carcerazione. La parola è talmente potente da restare pregna di valenze anche quando è l’uomo stesso a creare barriere invalicabili tra sé e il mondo esterno.

Non a caso la libertà di parola è uno dei concetti fondanti delle democrazie liberali e, di contro, la negazione di questo diritto rappresenta il primo passo compiuto sulla strada della barbarie totalitaria. La libertà di parola è anche esercizio del rispetto delle libertà altrui, per esempio quando nega le espressioni di incitamento a odi razziali.

Fermare la parola sul foglio, comporla in frasi significanti attraverso le quali esprimere un sé altrimenti nascosto è libertà. Nella possibilità di scrivere – quella stessa che fu negata a Donatien de Sade nei giorni della sua carcerazione – risiede l’arcano. La scrittura diventa un telescopio da ruotare a piacimento per guardare all’uomo, al mondo e alla storia infinitamente da vicino o infinitamente da lontano, per creare mondi altri e in quelli far risiedere le paure, i sogni, i desideri inespressi, le proposizioni di libertà, appunto.

La parola e la parola che si fa scrittura, in quest’ottica, non è il lenimento del dolore, non è una coperta troppo corta con cui ripararsi dalla solitudine ma è la soluzione in sé dei problemi dell’esistenza. O, quanto meno, ci piace pensare che lo sia e che possa sempre esserlo.

Emanuela E. Abbadessa

Lettera sull’attualità del romanzo storico

copertina

Cara amica,

ti sei domandata spesso se il romanzo storico abbia sempre una sua attualità. Qualche mese fa mi sono imbattuta nella ristampa di una delle perle di Laura Di Falco, donna di straordinaria tempra che, grazie a Verbavolant, torna oggi negli scaffali delle librerie. Direi che è un bell’esempio di longevità del genere storico, non trovi?

Ti riporto qui un mio pezzetto uscito in versione ridotta sulle pagine de “La Repubblica” (edizione di Palermo) il 21 settembre 2014 (http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2014/09/21/un-nobile-e-tre-mogli-altra-perla-della-di-falcoPalermo08.html?ref=search)

Uscito da Rizzoli nel ‘67 Le tre mogli è un romanzo potente e, grazie a Verbavolant, si pone oggi nel filone del romanzo postunitario che vive una nuova giovinezza.

Vecchi privilegi e afflato alla modernità s’intrecciano sullo sfondo della vicenda di Ferdinando Rivasecca, nobile rampollo entrato in convento per di una menomazione fisica, che si dedica all’affermazione di sé e alla conquista dell’identità. Ambiguo e spregiudicato, lega a sé Diomira, Giulietta e Ofelia, mosse tutte da una diversa idea di rivalsa sul mondo.

Nata a Canicattini Bagni nel 1910, la Di Falco (pseudonimo di Anna Lucia Carpinteri), insofferente alle chiusure di un ambiente bigotto che trasferì nella sua produzione, è tra i tanti che lasciò la terra d’origine per guardarla da lontano e renderla metafora di lacerazioni personali e universali. Dalla Sicilia a Pisa e poi a Roma, sotto l’ala dei più grandi scrittori, la scrittrice si affermò come una delle voci più originali del tempo e, con i suoi otto romanzi (L’inferriata uscito da Rizzoli nel 1976 e che gli valse la finale al Premio Strega, è ripubblicato da Verbavolant), diede vita a una nuova dimensione femminile della narrativa.

Devotamente

EE.